Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri IN

COME UNA FAMIGLIA. Denso e consapevole.

La Bionda Entusiasta Che Legge o La Bionda Che Legge Con Entusiasmo.. sì, ecco come dovevo chiamare il blog! Perchè l’entusiamo e la passione sono il segreto per cui ogni cosa che faccio la faccio “convinta che ne valga la pena”. Perchè se non ne vale la pena, meglio lasciare stare e trovare qualcos’altro da fare, qualsiasi altra cosa purchè sia fatta con passione. Ed ho la fortuna (e l’ambizione) di vivere così tutta la mia vita: come un’inguaribile entusiasta e instancabile appassionata. Non c’è libro che inizi, copertina che apra, parole che legga, pagina che sfogli, storie in cui mi immergo, in cui l’entusiasmo non sia presente. Ecco il mio terzo consiglio da lettrice: leggete con entusiasmo.

Di Giampaolo Simi avevo già letto Cosa Resta Di Noi (di cui potete rileggere la recensione qui) e mi ero perdutamente innamorata! Così ho iniziato Come Una Famiglia super esaltata: mi trattenevo a stento dal fare le capriole in aria quando mi sono imbattuta in quest’altro suo libro. Ma se Cosa Resta Di Noi era stata un’esplosione di bellezza, intelligenza e sensibilità, Come Una Famiglia si è dimostrato un lungo e lento rovistare ed analizzare i sentimenti nel cuore di un padre che parla al figlio, sempre con sofisticazione. Giampaolo Simi è un gran bravo scrittore, si spaccia come autore noir ma finisce sempre per usare quell’etichetta per parlare delicatamente di  temi “da romanzo”, che gli stanno evidentemente altrettanto a cuore: Simi infatti ha come fil rouge latente quello della famiglia: del suo desiderio e della sua realizzazione; parla di famiglie moderne, alternative, che nascono e vengono distrutte, con i loro problemi “moderni” che in realtà esistono da sempre. E Anche in Come Una Famiglia racconta di come in ciascuno di noi il significato di famiglia valga più delle etichette della società.

Come Una Famiglia è un monologo, un lungo racconto da padre a figlio, un racconto in cui il figlio è il protagonista della vicenda ma il padre colora l’intreccio con i sentimenti e le sue emozioni: paura, amore, rabbia, solitudine, gioia. Come Una famiglia è un libro lungo, tante pagine, tutte dense, alle volte pesanti, torbide, aggressive, disperate. Il figlio, fragile ed insicuro, impersona la fragilità dei ragazzi di oggi e la loro superficialità, il padre invece, assente e frustrato nel vedersi sbattuto in faccia il suo insuccesso come genitore, rivendica con caparbietà il suo amore per il figlio e la forza (anche nel negare l’evidenza) che solo un genitore credo possa avere. È una storia piena di faticose bugie e crude verità, scomodi argomenti e comode giustificazioni. È un bel libro, intenso e denso,  sicuramente ben scritto, con la maestria di Simi nell’affrontare proprio questi temi con l’eleganza e la delicatezza che lo distinguono. E a me è piaciuto, magari non con il solito entusiasmo esplosivo ma più con appassionata consapevolezza.

“Da quando cercavo di dormire meno possibile, avevo riconosciuto lo spettro diafano della cocaina transitare nelle mie notti. L’avevo provata, in passato, per curiosità, per darmi un tono, l’ultima volta per sopportare un’emergenza di lavoro durata cinquantasei ore. Giudicami come vuoi, la verità è che ho odiato quella roba come si odia qualcosa che ti solleva e poi ti scaraventa giù dal trentesimo piano, in picchiata verso una disperazione senza ritorno. Precipiti e giuri a te stesso che non cederai un’altra volta e che piuttosto ti schianti al suolo. Ma quando arrivi verso il sesto piano e inizi a vedere il marciapiede, bè, allora ne rivuoi, eccome. Da quella volta ho capito che volevo vivere di più, non più velocemente. Anzi, l’unica maniera per allungare la vita oltre il crudo, oggettivo conto delle ore che mi rimanevano, era dilatarla con la lentezza. La cocaina invece mi faceva sbranare il tempo a morsi.”

One thought on “COME UNA FAMIGLIA. Denso e consapevole.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *