Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri IN

LA VARIANTE DI LÜNEBURG. STRATEGIA DI RAPIMENTO E STUPORE.

Non vi immaginate quante persone in questo periodo mi stiano dicendo: “Ecco, sono finite le vacanze e con loro anche il periodo dell’anno in cui riesco a leggere.” Nella recensione scorsa vi ho svelato il primo dei miei “trucchi” per leggere “tanto”, questa volta mi piacerebbe sfruttare La Variante di Lüneburg per raccontarvi, oltre che delle mie impressioni sul libro, un'altra strategia furbetta per continuare a leggere anche durante i prossimi mesi. Perché sì, secondo me la soluzione, ...
Continua
Categories i Contemporanei Stranieri, In&Out, Libri IN

LA SAGA DEI CAZALET – GLI ANNI DELLA LEGGEREZZA. UNA COCCOLA BRITISH.

La domanda è sempre quella: come faccio a leggere così tanto? Glisserò sulla definizione di “tanto”, perché a mio avviso potrei leggere moooltoo di più, e non vi parlerò neanche di quelli che chiamo “i miei blocchi della lettrice”, ossia i lunghi periodi in cui non riesco proprio a prendere in mano un libro. In quei momenti mi manca la testa, non riesco a svuotarla dai pensieri, non trovo l’energia e finisco per passare mesi senza leggere una pagina. Quelli sono i periodi peggiori. Ma (e ...
Continua
Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri OUT

LE ASSAGGIATRICI. NON DECOLLA.

Le Assaggiatrici è uno di quei libri che tutti stanno spingendo, leggendo, suggerendo. Io invece vengo da un anno di libri brutti, libri noiosi, libri che si sono rivelati una perdita di tempo. Libri che mi hanno reso ancora più difficile continuare a trovare forza ed energia per leggere in un anno pieno di “altro”, in cui di tempo per la lettura non ne avevo molto. Così mi sono detta: via, leggiamo questo romanzo sulla bocca di tutti, sarà sicuramente avvincente. E così ho iniziato Le ...
Continua
Categories i Contemporanei Stranieri, In&Out, Libri IN

ALL’OMBRA DI JULIUS. RAFFINATO.

Sono una ragazza fortunata, sempre stata. E nonostante alcune vicissitudini che la vita mi ha proposto, continuo a ritenermi una ragazza molto fortunata. Credo anche che la fortuna stia negli occhi di chi guarda e nel mio caso, gli occhioni ottimisti da cerbiatta che mi ritrovo vedono sempre i bicchieri pieni, i lati luccicanti delle medaglie, sempre opportunità e difficilmente problemi, e dire che non ho mai letto niente di Osho o del Dalai Lama. Forse dovrei! E sono stata fortunata ...
Continua