SUPERFICIE
Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri IN

SUPERFICIE. UNO SPECCHIO SCONNESSAMENTE BRILLANTE.

Leggo De Silva da anni e negli ultimi tempi, invece di ritrovare nelle sue pagine il solito cantastorie sarcastico Napoletano, ci trovo dell’altro. Ci ritrovo il sarcasmo, l’intelligenza e l’ironia che lo hanno sempre contraddistinto e che me lo hanno fatto piacere da morire; ma ci trovo anche dell’altro. Un momento di passaggio forse. Un periodo di cambiamento.

Superficie mi ha stupito, inizialmente confuso, sicuramente colpito. Quando compro un libro di autori che conosco e amo, non mi metto neanche a leggere la trama: prendo a scatola chiusa come un Happy Meal e sono sempre certa di trovarci dentro la sorpresa più bella. E questa volta sono rimasta sorpresa, forse non troppo convinta ma, tutto considerato, non dispiaciuta di averlo letto.

Superficie è un enorme insieme di frasi (apparentemente) sconnesse che parlano di tutto e di niente. Che parlano di noi. Le nostre voci di oggi. Uno specchio di come stiamo al mondo che viene riportato con l’inchiostro su un centinaio di pagine bianche. Inchiostro e pagine che oltre che sorridere e sorprendere ci dovrebbero forse far anche riflettere sulla tragicomica società in cui viviamo. Superficie è tutto fuorché superficiale e De Silva è bravo, sempre molto bravo! la sua bravura è l’agilità e l’ironia con cui suggerisce al lettore che “se non ne hai voglia, non farti le pippe e leggiti queste pagine con la leggerezza con cui possono essere lette!” Secondo me, non il suo libro migliore, sicuramente però brillante!

IPSE DIXIT – ecco, a mio avviso, le perle di Superficie:

Secondo me è proprio la cospicua immissione di monolocali sul mercato che ha fatto aumentare il numero delle separazioni.

Ma un titolo come È facile smettere di fumare se sai come farlo, non vi fa venir voglia di rispondere: “Grazie al cazzo”?

“Rapporto protetto” è un ossimoro.

L’attimino si è istinto. Preoccupati del giorno in cui andrai a comprare “La Settimana Enigmistica”. Non c’è paragone con il libro. Devo capire cosa provo per la tua migliore amica. Ma se il film non l’hanno fatto.

In fondo sono ancora un bambino che continua ad emozionarsi per le stesse cose.

I Freccia club sono pieni di businessman disoccupati che fingono di lavorare al computer.

Lo spritz è di destra?

Ho un sacco di visualizzazioni ma nessuno citofona.

Quando sono di buonumore, poi mi passa. Il preservativo si trova sempre nel cassetto del comodino opposto.

Il gatto fa quel che vuole, il cane quello che vuoi.

Le delusioni d’amicizia sono più frequenti di quelle d’amore.

Non si potrebbe raddoppiare il sabato e abolire il mercoledì?

I bagnanti adulti che si fanno trascinare dagli animatori turistici a fare il gioco dell’aperitivo e ridono quando gli si schianta addosso il palloncino pieno d’acqua lanciato da quelli della squadra avversaria, ma si rendono conto?

E l’animatore turistico che viene all’ombrellone e ti chiede: “come mai lei legge?”

L’onestà andrà di moda, l’inettitudine ci va già.

Io ce lo vedo, un piccione che punta uno a trenta metri d’altezza e pensa: “adesso a quello gli cago in testa, ah ah ah”.

Dovrebbero inventare un’applicazione che urla “E piantala, deficiente” ogni volta che rientri in casa per controllare se hai chiuso il gas.

Quando ti dicono “Prendere o lasciare”, lascia.

La domenica pomeriggio si viene visitati dai fantasmi dei professori del liceo.

Al quarto squillo senza risposta, vorresti non aver telefonato.

Le monete con cui hai riempito il salvadanaio non ti ripagheranno del porcellino perduto.

I gatti sdraiati sui cofani delle macchine mi fanno pensare che sto buttando via la mia vita.

Peggio di uno che ti trattiene parlandoti di sé è uno che ti trattiene parlandoti di sé e fa anche le palline di saliva agli angoli della bocca.

I ragazzi che ogni tanto vedi per strada a offrire ABBRACCI GRATIS (con tanto di cartello appeso al collo) ai passanti, ma cosa gli prende?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *