ALT="cosarestadinoi"
Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri IN

Cosa Resta di Noi. Libro magico.

Sta mattina è successa una cosa magica, una di quelle cose che quando capitano mi emozionano: dopo aver comprato un libro (il prossimo che vorrei leggere), Cosa Resta di Noi ha scelto me. A me capita davvero spesso di sentire quando un libro “Non è cosa” e poi tutto di un tratto, ne trovo un altro e mi ci butto a capo fitto. Come a farmi una scorpacciata, come se non stessi aspettando altro, come se avessi perso troppo tempo nell’attesa di capire quale libro fosse da leggere ed quando l’ho trovato (o è lui che magicamente trova me!) allora non posso più farne a meno.

 

Era tra i suggerimenti che mi stavano proponendo, visto il mio recente acquisto, e non appena ho letto il nome dell’autore mi sono detta: questo nome l’ho già sentito (ma non era così)! Ho letto la trama e mi sono intrigata immediatamente. Ho guardato altri libri dello stesso autore ma niente, ero già in fissa e dovevo subito iniziare Cosa Resta Di Noi.

 

Cosa Resta di Noi: libro stupendo, sicuramente tra i libri più belli di quest’anno, scritto da un autore bravissimo, Giampaolo SimiA me i libri piacciono quasi tutti, lo so, ma così entusiasta non mi ci ritrovo così spesso!

 

Me l’hanno venduto come un noir ma in realtà la sparizione della donna è, come sempre, una scusa per il narratore di raccontare un’altra storia ed i propri protagonisti. In una Versilia fuori stagione che fa venire voglia di “mare d’inverno”, di vento che sferza in faccia e il doppio animo della gente di mare – solitudine invernale e ressa estiva… o sarà viceversa!? – e di trasferirsi a vivere un’altra vita fatta di altri ritmi, altri respiri, altri pensieri. Mi sono innamorata del protagonista, che oltre che ruvido e sexy me lo sono ritrovato sensibile ed intelligente, e sono riuscita a vivere i suoi stati d’animo in prima persona e a fior di pelle,  mirabolante con finale inaspettato. Lui lei e l’altra e poi l’altro. Qui più che Il Triangolo No, è più un quadrato che non era stato considerato!

 

Forse quello che mi ha colpito davvero di Cosa Resta di Noi è l’essere riuscito a raccontare tantissime tematiche delicate e spinose: le dipendenze da cose persone o stati d’animo che inesorabilmente ed in modo masochista ricerchiamo per “sentirci”, i fallimenti della propria vita come individui ma anche come figli genitori e compagni, l’infertilità di coppia e la paura l’egoismo e la fragilità che scatena, l’instaurare rapporti e relazioni come espressione delle proprie sofferenze ed insicurezze invece che come arrotondamento della propria persona; tutto questo trattato però in modo leggero, in una cornice così appassionante ed intrigante che il lettore i “messaggi profondi” li può cogliere senza pesantezza.

 

Bello bellissimo leggetelo, davvero!

 

Corfu Island.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *