ALT="la sposa giovane"
Categories i Contemporanei Italiani, In&Out, Libri IN

La Sposa Giovane. Spettacolare, sensuale, poetico.

La Sposa Giovane.
Baricco.

Spettacolare.
Sensuale.
Poetico.

Lui così fastidiosamente snob, saccente e pieno di sé che è davvero antipatico il fatto che non mi piaccia ma, ogni volta, ricevere la conferma che lui scrive proprio meravigliosamente. Ogni volta, per ogni libro che ho letto: Oceano Mare, Seta, Mr.Gwyn, Novecento, e via discorrendo. Ogni volta è così, ogni volta resto incantata.
Baricco sa scrivere. E lo sa fare stra-bene! Ogni volta. Sempre e comunque. Artista nello scegliergle e nell’intrecciarle. Un maestro. Ed i suoi libri sono sempre bellissimi.
Mannaggia a lui. Vince sempre lui.


Bella la storia, bello l’intreccio, maestrale la tecnica, le parole usate, le atmosfere create, i personaggi disegnati, le speranze fatte nascere, le riflessioni scatenate, i quadri raccontati.
Incanto e magia.
Mannaggia a lui.
!Da leggere! Assolutamente.
E poi mentre scrivo queste righe mi fermo a riflettere su che problema ci sia nel fatto che uno scrittore sia bravissimo ed io, allo stesso tempo, lo trovi anche antipaticissimo. Una cosa non deve per forza escludere l’altra. Forse dispiace, ma alla fine non sono legate.
E siamo tutti un po’ cresciuti dai tempi in cui il nostro cantante preferito doveva essere anche simpatico, intelligente, ironico, brillante ed educato.
Baricco forse fa anche un po’ il personaggio… o forse no, forse è proprio così: con la puzza sotto il naso.  Stessa puzza sotto il naso che mi riconosco anche io e magari notandola in lui ci ritrovo me stessa. Ed è per questo che non mi piace, tanto quanto non mi piace quella parte di me.
Girandole psicologiche di una bionda blogger. Meglio lasciare stare.

“La Sposa giovane era un ragazzino, perché era un pensiero impensabile, perché era un pensiero che in realtà aveva sempre pensato, e perché adesso era un segreto che conosceva.”

lanotteètemuta
linfelicitànonègradita
nellasalamoiadellapropriaammirazione

“Resta il profumo di un’attrazione senza nome, e ciò che non ha nome, sgomenta.”

— at Long Island, The Whitsundays.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *